Vini e Spumanti del Sud Italia nel menu natalizio

Published on: dic 15 2015 by Daniela

Vini e Spumanti per Natale
Si avvicinano le feste di Natale e, come spesso accade, si fanno acquisti per regalare ad amici e parenti cesti natalizi contenenti prodotti tipici della propria terra e non solo: formaggi e salse di ogni tipo, ma non può certo mancare una bottiglia di buon vino. E cosa c’è di meglio di un vino tipico del sud Italia?
I vini del sud Italia sono stati riscoperti da poco: in passato, infatti, si prediligevano quelli provenienti dalle regioni nordiche, ritenuti più raffinati e meno alcolici. Con il passare del tempo i viticoltori meridionali hanno imparato a raffinare ulteriormente i loro prodotti cosicché, al giorno d’oggi, i vini e gli spumanti calabresi, pugliesi, campani, siciliani e lucani sono conosciuti ed apprezzati non solo in tutta Italia, ma anche all’estero. E noi di Sapori dei Sassi vi proponiamo una vasta scelta di vini e spumanti meridionali da acquistare online con comodità e praticità.

vino-sud-italia-sapori-dei-sassi

Un buon vino rosso per la tavola
In molti non lo sanno, ma il vino rosso, oltre che essere una delizia per il palato, può portare molti benefici all’organismo: contiene, infatti, il resveratrolo, un antiossidante che aiuta a riattivare il metabolismo, favorisce il controllo del diabete ed aiuta la circolazione. Sembra, inoltre, che aiuti a ridurre il senso di fame. Rispetto ad altre tipologie di alcolici e superalcolici, non è sconsigliato per coloro che intendono mantenere un regime alimentare sano.
Tra i vini rossi più buoni del Sud che puoi trovare sul nostro shop online Sapori dei Sassi: il Dattilo IGT Val di Neto, un vino calabrese prodotto con uve Gaglioppo; l’Aglianico del Vulture, un vino della Basilicata dal sapore unico riconosciuto in tutta Italia; il Primitivo di Manduria Pugliese, vincitore di molti premi a livello sia nazionale che internazionale. Dalla Puglia nasce anche il Negroamaro, un vino prodotto solo nella zona del Salento e dalle origini orientali antichissime.
A tavola, si consiglia di abbinare il vino rosso a piatti di carne e formaggi.

Il gusto unico del vino bianco
Recenti studi scientifici hanno dimostrato che il vino rosso non è l’unico valido aiuto per la salute: anche il vino bianco ha i suoi pregi. Si è scoperto, infatti, che un bicchiere di vino bianco al giorno aiuta a proteggere il sistema cardiovascolare e quello renale, oltre che ridurre il rischio di tumori.
Sebbene il sud Italia sia specializzato nella produzione di vini rossi, non mancano i bianchi, in particolare nella tradizione Pugliese. Uno dei più importanti è certamente il Moscato di Trani, un vino dolce e dal sapore fruttato. Da ricordare anche lo Chardonnay Pietrabianca, anch’esso di origine Salentina, e i vini bianchi lucani, come il Fiano e il Re Manfredi.
I vini bianchi sono consigliati per accompagnare antipasti, primi e altri piatti a base di pesce.

La tavola in rosa
Sebbene il vino rosato sia in grado di adattarsi a molte tipologie di piatti, in molti sottovalutano questa qualità di vino, ritenendolo un miscuglio tra bianco e rosso e, quindi, di bassa qualità. In realtà, il vino rosato si ottiene con particolari tecniche che servono a schiarire il colore assunto dal succo delle uve nere. Pare, inoltre, che il vino rosato sia stato il primo vino ad essere prodotto nella storia, perché di più facile macerazione.
Dunque, se siete amanti dei vini rosati, o se volete abbinare il giusto vino ai vostri antipasti di salumi, alle vostre frittate, o semplicemente venire incontro alle diverse preferenze dei vostri commensali, il sud Italia dispone di un gran numero di nomi, alcuni tra i più celebri della penisola. Tra questi, il Campano Lacrimarosa Aglianico Rosato Mastroberardino, il Rogito Lucano realizzato con uve di Aglianico del Vulture, il Calafuria Negroamaro Rosato Salentino, il Rosato Calabretta Siciliano.

Spumante e bollicine
Pare che le origini dello spumante siano francesi e che sia poi arrivato fino in Italia, dove i produttori decisero di rimuovere gli sciroppi che i produttori francesi aggiungevano alla fine della produzione per ottenere uno spumante dal sapore naturale e, certamente, meno costoso. Ancora oggi la spuma presente nello spumante al momento dell’apertura non è dovuta all’aggiunta di anidride carbonica ma alla formazione della stessa durante la fermentazione.
Per i vostri dessert o per gli stuzzichini prima del pranzo, si consiglia uno spumante fresco e dal gusto piacevole. Uno dei migliori è certamente il Galetto Dry Rosè Aglianico, direttamente da agricoltura biologica sui Colli della Murgia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Filed under: Consigli gastronomici

Leave a Reply

*

*