Melanzane rosse, peperoni e zucchine in agrodolce

Published on: set 12 2011 by Angela

Melanzane rosse, peperoni, zucchine in agrodolceScritto da Angela

Ed eccomi di nuovo qui con voi, dopo due mesi di silenzio assoluto! Si, perché il negozio fisico mi ha assorbito tutte le energie che avevo a disposizione e, credetemi, dopo giornate lavorative di 12-13 ore…non vuoi proprio vedere pentole e stoviglie!

Ora, invece, sono un po’ più libera e non vedevo l’ora di tornare ai fornelli per preparare qualcosa di buono.

Questa ricetta è utilizzata molto nei ristoranti della mia città, anche se a farmi venir voglia di prepararla è stata la mia Tinuccia.

La mia ricetta, però è un tantino diversa da quella di Tina perché ho aggiunto anche le zucchine e le olive e, inoltre, la nota dolce che ho aggiunto non è stata l’uvetta passa ma un filo di vincotto pugliese.

E poi…io ho utilizzato le famose Melanzane Rosse di Rotonda, che mi sono arrivate fresche questa mattina… Con il suo gusto piccante e “piacevolmente” amarognolo, questa melanzana si presta egregiamente alle preparazioni agrogolci.

MELANZANE ROSSE, PEPERONI E ZUCCHINE IN AGRODOLCE

Ingredienti (per 4-5 persone):

400 gr di Melanzane rosse di Rotonda
1 peperone giallo o verde da arrostire
1 zucchina piccola
35 gr di aceto di vino bianco
1 cucchiaino di zucchero
3 cucchiai di salsa di pomodoro
sale ed olio extravergine d’oliva q.b.
Una manciata di olive nere denocciolate
Vincotto originale (un filo per la rifinitura)

Procedimento:

Lavate per bene le melanzane rosse, asciugatele, tagliatele a cubetti e mettetele in uno scolapasta cosparse di sale grosso per non meno di un’ora: in questo modo si attenuerà il gusto amarognolo.  Io le ho fatte scolare per quasi 2 ore perché le melanzane rosse sono più amarognole delle melanzane comuni.

Lavate il peperone e la zucchina, asciugateli, tagliateli a cubetti e friggeteli in una casseruola con abbondante olio extravergine d’oliva.  Mantenete il fuoco basso, in modo tale che non brucino.  Quando saranno appassite, togliete dal fuoco i cubetti di peperoni e zucchine con l’aiuto di un mestolo forato e metteteli momentaneamente da parte.

Nell’olio dei peperoni, fate ora soffriggere i cubetti di melanzana rossa fino a quando non saranno anch’essi dorati ed appassiti.  Servendovi ancora del mestolo forato, togliete dal fuoco anche le melanzane e unitele ai peperoni ed alle zucchine.

Sempre nell’olio in cui avete fritto, versate la passata di pomodoro e fate addensare per un paio di minuti.  A questo punto, versate nuovamente gli ortaggi fritti e fate saltare in padella per qualche minuto.  Salate a piacere.

Fate sciogliere lo zucchero nell’aceto di vino, versatelo in casseruola e fate evaporare.  Aggiungete le olive nere fatte a pezzettini, mescolate ancora e togliete dal fuoco.

Servite freddo in un piatto da portata dopo aver arricchito con un filo di vincotto pugliese.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Filed under: Ricette, Specialità enogastronomiche lucane, Specialità enogastronomiche pugliesi
Tags: , ,

6 Comments to “Melanzane rosse, peperoni e zucchine in agrodolce”

  1. Queste melanzane rosse sono a dir poco bellissime! E il piatto nell’insieme è molto appetitoso, con quel filo di vincotto che dà quella punto di agrodolce che adoro!

  2. Daniela scrive:

    Un piatto molto interessante e ricco di sapore, mi attrae particolarmente l’aggiunta finale del vin cotto. una ricetta da provare.
    Buona settimana Daniela.

  3. Non capisco perchè non riesco a trovare queste benedette melanzane!!!! Eppure sono a castellaneta! Bel piatto, non lo conoscevo.. un caro saluto

  4. Angela scrive:

    @Giulietta: è vero, il vincotto è davvero speciale!
    @Daniela: provala e fammi sapere…:)
    @Giulia: è già difficilissimo trovarle qui a Matera….se mi vieni a trovare a breve te le faccio trovare…:)))

  5. lisa51 scrive:

    Ottima preparazione,molto golosa solo a guardarla.Saluti,Lisa.

  6. [...] pensato molto a come cucinarle, volevo evitare di chiuderle in un barattolo, mi è venuta in mente questa ricetta e allora vai di caponatina, anche se io poi l’ho trasformata in un finger adagiandola in un [...]

Leave a Reply

*

*