LE ORECCHIETTE…LUCANE O PUGLIESI?

Published on: Gen 04 2010 by Angela

Orecchiette fatte in casaDubbio amletico: ognuno rivendica l’origine di questa meravigliosa pasta: i lucani, feriti nel loro orgoglio dicono che fa sicuramente parte della loro tradizione.  Dall’altro lato i cugini pugliesi, si sentono toccati nel vivo delle loro tradizioni ed affermano che sulla bocca di tutti le orecchiette sono della Puglia!  Da una parte questi ultimi hanno ragione: tutti i miei clienti quando vedono le orecchiette sullo scaffale dicono puntualmente “ma voi vendete roba pugliese?”.  La storia, infatti, sostiene che le orecchiette sarebbero arrivate in Puglia dalla Francia Meridionale nel 1500 tramite gli Angiò, conti di Provenza che, tra i loro domini, annoveravano anche ampie terre pugliesi.  Le orecchiette, infatti, hanno caratteristiche simili ai crosets, una varietà di pasta fatta con semola di grano duro ed acqua, ancora oggi molto diffusa nell’area provenzale e in alcune zone del Piemonte.  Dall’altra parte, ci sono anche molte testimonianze storiche sulla presenza di questa pasta nelle tradizioni culinarie lucane.  A questo punto mi viene in mente l’espressione anglofona “who cares!” (per non dire “chi se ne frega!”, scusate l’ho detto ugualmente), basta che si mangia!  Ci poniamo troppi interrogativi inutili, troppe discussioni, troppe rivendicazioni e perdiamo di vista l’unico vero obiettivo, uno dei più grandi piaceri della vita: mangiare un bel piatto di orecchiette alle cime di rapa con mollica fritta e peperoni cruschi (ricetta che trovate qui, ma con i cavatelli)o due orecchiette con sugo di funghi cardoncelli e salsiccia…  Questi sono sicuramente alcuni dei miei piatti preferiti e mi viene l’acquolina in bocca solo a pensarci.

Don’t worry (mi sento molto english oggi!), a breve posterò altre ricette in cui le utilizzerò ma, adesso, dobbiamo prima imparare a farle le orecchiette.

Armiamoci di farina, aqua, tagliere e mattarello e…via! Vi mostro un video che ho trovato in cui la protagonista usa la stessa tecnica che uso io per creare le orecchiette…cimentatevi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Filed under: Sapori dei Sassi, Specialità enogastronomiche lucane, Specialità enogastronomiche pugliesi
Tags: , , , ,

10 Comments to “LE ORECCHIETTE…LUCANE O PUGLIESI?”

  1. Daphne ha detto:

    Io sono pugliese e non avevo mai sentito qualcuno dire che le orecchiette fossero lucane..MA..come dici tu..chissene frega! :D
    Quanto so buoneeee! E i cavatelli non ne parliamo *_*
    M è tornata la fame…

  2. fiordivanilla ha detto:

    mannaggissima, non riesco a vedere che cavolino fa quando li “stira” prima col coltello e poi l’inversione col dito di quando li “rimbocca” rigirandoli.. ohmmioddio, che spiegazione contorta! ahahhaha devo provarciii!

  3. […] ieri abbiamo parlato qui delle orecchiette…  Oggi vi scrivo una ricetta che faccio spesso a casa mia, perché io la […]

  4. Lory ha detto:

    Adoro le orecchiette!
    Nonostante sia veneziana le faccio anch’io perchè ho la fortuna di avere un’amica barese che mi ha insegnato la tecnica. Devo dire che non ci sono paragono con quelle che si comprano….

  5. Angela ha detto:

    @Manu:ihihihihihih…allora, cerco di spiegartelo…
    Dunque, dopo aver stirato con il coltello si formerà una specie di conchiglia con una parte liscia ed una parte in cui si uniranno i due lati arrotolati. A questo punto, punta la parte liscia sul tuo pollice e fai scivolare leggermente i lati aiutandoti con le altre dita…

    Lo so, è un po’ difficile da spiegare, dico sempre che devo fare io un video in cui faccio vedere passo passo il procedimento ma, gli impegni del negozio non me lo consentono… Non appena posso lo farò e sarai la prima a cui lo farò vedere… un bacione enormissimo! Spero di essere stata un tantino più chiara nella spiegazione! :*

  6. Angela ha detto:

    @Lory: sono condivido pienamente quello che hai detto, anche se ci sono delle aziende che lavorano benissimo, utilizzando degli ottimi grani…
    Ma anch’io preferisco sempre quelle fatte in casa…grazie mille per essere passata da qui! Baci

  7. fiordivanilla ha detto:

    a partire dal minuto 2 e 04 secondi se si fa play-pausa-play-pausa si vede meglio che in tutte le altre inquadrature… e più o meno penso di aver capito ma ovviamente finché non ci si applica.. ;)
    però non ho capito se quando si mette il pollice sulla parte bombata che si forma (il dorso della conchiglia), la conchiglia viene rigirata, quindi la parte bombata rispinta all’interno.. oppure me lo sto sognando?. :D

  8. Angela ha detto:

    No non lo stai sognando…è esattamente così che si fa!

  9. anita ha detto:

    Il segreto…non sta nel come si girano…ma come si fa la pasta.
    Se la pasta non è della morbidezza giusta..potete provarci fino alla eternità.
    Auguri e buon appetito …comunque.

  10. Mimmo Modarelli ha detto:

    Origine delle Orecchiette? Le Orecchiette sono ebraiche, in Puglia sarebbero arrivate per prima a Trani

Leave a Reply

*

*