La Burrata pugliese, stracciatella racchiusa in un involucro di pasta filata.

Published on: mag 26 2011 by Angela

5757712157_6fc97d7d61_bScritto da Angela

Quando parliamo di Puglia parliamo di enogastronomia, e se parliamo di enogastronomia pugliese non possiamo non parlare dei famosi latticini: mozzarelle, fiordilatte e…la burrata!

Apprezzata da tutti i migliori chef del mondo, la burrata è nata agli inizi del ’900 dall’ingegno dei mastri casari delle antiche masserie della provincia di Andria, dalla consuetudine contadina di utilizzare anche gli scarti per creare specialità gastronomiche d’eccellenza.

E’ stata loro l’idea, infatti, di recuperare gli avanzi di produzione di mozzarella, quegli straccetti di pasta filata saporiti e gustosi, ed unirli alla panna: nasce così la famosa “stracciatella“.

I mastri casari, poi, hanno pensato bene di racchiudere la stracciatella in un involucro di liscia pasta filata, dando così vita alla più nota burrata.

Ma passiamo alla degustazione.  Soltanto a guardarla, la burrata stuzzica l’appetito nella sua perfezione, così lucida e liscia; applicando un piccolo taglio alla morbida sacca di pasta filata, fuoriesce tutta quella gustosa e succulenta panna con filanti straccetti di mozzarella…la salivazione è a mille!  Assaggiandola, infine, ci si accorge della sua dolcezza e scioglievolezza e le papille gustative iniziano a cantare!  Indubbiamente un prodotto da 10 e lode!

La burrata è ottima da mangiare da sola, semplicemente affondando una forchetta nel morbido ripieno, ma anche accompagnata con un’insalatina verde, olive e ottimi salumi locali.

Ovviamente, la burrata va abbinata ad un buon bianco pugliese: la mia scelta cade sul Tufjano IGT Puglia, un bianco secco ma di notevole aromaticità e persistenza.

Per restare sempre aggiornato sui temi dell’enogastronomia del Sud Italia, puoi seguirci su Twitter e su Facebook

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Filed under: Recensione prodotti, Specialità enogastronomiche lucane, Specialità enogastronomiche pugliesi
Tags: , , , , , , ,

6 Comments to “La Burrata pugliese, stracciatella racchiusa in un involucro di pasta filata.”

  1. Alice scrive:

    l’ho detto ieri e lo ribadisco: la burrata è il cibo degli dei!!!!!!
    altro che salivazione a mille…

  2. Angela scrive:

    Sono completamente d’accordo con te! Un bacio enorme Alice!

  3. kiarina scrive:

    Mamma mia che splendore! Mi ci tufferei in questa meraviglia! Adoro la burrata!!!

  4. Marco scrive:

    I love it, la burrata è uno dei fiori all’occhiello della cucina pugliese

  5. angela scrive:

    ciao sono felice di averti trovata e sono tornata da poco dalla spendida puglia e non faccio altro che pensare a come fare ad imparare a fare la mozzarella….impresa da non poco….ma dalle mie parti non c’è nulla di così buono….mi potreste aiutare?

  6. Giuseppe scrive:

    @Angela: purtroppo non posso aiutarti perché io non ho mai nemmeno provato a farla in casa…. Ad ogni modo, abbiamo intenzione di girare un video nel caseificio per svelare a tutti voi i segreti di una buona mozzarella…;)

Leave a Reply

*

*