Caratteristiche olio extra vergine di Coratina

Published on: gen 18 2013 by Giuseppe

Scritto da Giuseppe

Tra le varietà di olive più largamente coltivate nel sud Italia vi è certamente la Coratina, cultivar originario di Corato e ampiamente diffusosi in tutto il nord barese e nel corso dei secoli dapprima in tutta la Puglia e poi anche (seppur con meno frequenza) in Basilicata e Calabria. Così come avvenuto per molti vini del sud, anche la Coratina è quasi sempre stata considerata una varietà di oliva il cui olio serviva per “tagliare” altri oli poveri di personalità, carenti di sensazioni fruttate e di un’impronta decisa.

coratinaLa caratteristica più evidente degli oli realizzati da 100% olive di varietà Coratina è certamente quella di avere spiccati sentori fruttati, piccante e amaro, questi ultimi sono spesso erroneamente percepiti come attributi negativi dell’olio, al contrario l’olio di coratina è di qualità eccellente, (i parametri che definiscono un olio extravergine di ottima qualità li trovate qui).

L’amaro ed il piccante non sono affatto dei difetti dell’olio ma denotano una altissima concentrazione di polifenoli, potentissimi antiossidanti che ritardano l’invecchiamento cellulare, prevengono i tumori, arteriosclerosi ed altre malattie. I polifenoli oltre ad avere effetti benefici sulle persone sono benefici anche per l’olio stesso, infatti il numero di polifenoli è determinante per la vita dell’olio, ne aiuta la conservazione preservandolo dall’azione dei perossidi, quindi un più alto numero di polifenoli significa per i consumatori una maggior protezione contro tante malattie e per l’olio una “vita” più lunga.

Gli oli ottenuti da 100% Coratina hanno il più alto numero di polifenoli (spesso il 300% rispetto ad altre varietà) ed il più alto tasso di acido oleico che aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari liberando le arterie dal cosidetto “colesterolo cattivo”.

Certo è che non è facile addomesticare il palato ai gusti forti, decisi e saporiti, motivo per cui gli oli monocultivar Coratina non sono mai decollati (commercialmente parlando) al contrario di oli ottenuti miscelando varietà più dolci con la Coratina. Grazie ad alcuni accorgimenti ed un pizzico di allenamento si potrebbe, tuttavia, imparare a gustare olio extra vergine di Coratina traendo giovamento dalle straordinarie caratteristiche salutari che lo contraddistinguono dalla stragrande maggioranza delle altre cultivar.

Basterebbe imparare ad utilizzarlo in quantità adeguate senza necessariamente annaffiare il cibo con l’olio…

Per restare sempre aggiornato sui temi dell’enogastronomia del Sud Italia, puoi seguirci su Twitter e su Facebook

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Filed under: Recensione prodotti, Specialità enogastronomiche pugliesi
Tags: , , ,

Leave a Reply

*

*